“Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.

È con questa frase del libro “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry che Roberto Ricci, grossetano doc, si riconosce. Una frase che campeggia anche sulla prima pagina del libro Y20 (Year 20), una pubblicazione celebrativa dei 20 anni della sua azienda RRD-RobertoRicciDesigns. Venti anni che non si compiono a caso: l’ultima collezione f/w 2016-17 di abbigliamento presentata anche a Pitti Uomo, promette di rivoluzionare il modo di indossare capi dal sapore super tecnologico e dal design e fitting che strizza l’occhio al più sofisticato mondo della moda.
RRD - Roberto Ricci DesignsLa sua è una delle aziende più in crescita nel panorama toscano ma che raccoglie il plauso di un pubblico internazionale: a partire dall’apertura dell’ultimo negozio monomarca a Cape Town fino alle vittorie degli atleti di wind surf della squadra RRD nelle più importanti competizioni in giro per il mondo.

RRD, UNA STORIA TRA LE ONDE

Partono da un garage di Grosseto per arrivare alle spiagge di Maui, le prime tavole marchiate a fuoco RRD. Dalla migliore delle tradizioni del mondo del surf che arriva dalle Hawaii, le prime attrezzature che portano la firma del giovane atleta Roberto Ricci, vengono contaminate da una creatività tutta italiana: nascono così tavole speciali, pezzi unici progettati e realizzati a mano e destinati a vincere le gare sulle onde di tutto il mondo. E proprio alle Hawaii, Ricci fa suoi i segreti dei guru del surf come Jimmy Lewis e Ed Angulo. Così è diventato shaper, colui che progetta e realizza le tavole. Un lavoro che si fa a mano, prova dopo prova, col metro e la carta vetrata, come un vero e proprio artigiano del surf.

Era il 1989 quando tutto questo accadeva e da li a poco, quella che era l’inconsapevole passione per le onde e il vento, sarebbe diventata molto di più. Nel 1994 nasce infatti la prima collezione di tavole da windsurf di serie RRD-RobertoRicciDesigns e il brand legato all’abbigliamento, creato in tandem con l’amico Roberto Bardini.

Insieme, l’hanno subito chiamata perf-romance, quell’attitudine che lega la performance sportiva alla passione, al romanticismo del sentimento. E così sono partiti, senza più fermarsi.

RRD: A VINCERE È LO STILE OLISTICO ITALIANO

Dalla perf-romance nasce l’idea di mescolare tecnico e glamour, forme e materiali, trattamenti e colori in perfetto stile italiano, con quella creatività capace di stravolgere persino le leggi del mare.

Su questa scia il passo è breve perchè la ricerca e l’innovazione a casa RRD sono le parole d’ordine. All’insegna del made in Italy è la produzione esclusiva dei tessuti così come la realizzazione dei capi mentre le finiture e i dettagli vengono controllati in modo quasi maniacale sfuggendo a qualsiasi logica di mercato che vede il processo produttivo vincere sul prodotto.

E così arriva una nuova visione dell’abbigliamento, l’Holistic Technology®, che si ispira all’attitudine di considerare l’unione di più materiali insieme come un tutt’uno, dalla visione dove tutto avviene contemporaneamente e interagisce in un’unica armonia.
Un principio che si basa su una visione complessiva, dove più parti si mescolano per arrivare ad un unico elemento, più forte e performante dei suoi componenti.

E’ il momento delle lycre di ultima generazione, delle membrane impermeabili, della lana cotta, del pile e della piuma d’oca che, mixati in maniera indissolubile, proprio come nel concept utilizzato per realizzare le mute da surf, strato dopo strato, si riassumono in un materiale unico, capace di sfidare acqua, vento e freddo come mai nessuno ha fatto prima.

COLLEZIONE F/W 2016-17 RRD ROBERTO RICCI DESIGN

I capi vengono spogliati del superfluo e riletti in chiave Techno-sartoriale per cogliere l’anima vera di ogni singolo pezzo: “Siamo riusciti a sintetizzare tagli sartoriali e tessuti ad alto valore tecnologico – spiega Ricci -, linee glamour e performance dei materiali. Abbiamo realizzato capi a regola d’arte, in perfetto stile Made in Italy capaci di raccontare una storia, di riassumere ricerca ed esperienza, cura del dettaglio e design d’autore”.

RRD - Roberto Ricci DesignsL’amore, la passione e la profonda conoscenza del mare sono l’anima e il cuore della collezione RRD che porta in città la cultura del mare. Non si tratta solo di uno stile di vita ma anche di un’attitudine mentale.

La ricerca dell’essenza e dello spirito puro, insito nella progettazione di questi capi, sono le linee guida che hanno mosso la creatività firmata RRD alla ricerca di forme pulite, nude come quelle dei legni abbandonati sulla sabbia, come la linea disegnata dal mare di scaduta dopo una mareggiata d’inverno.

I colori sono quelli della spiaggia di sera, con tonalità che toccano le declinazioni del blu, dei grigi, del verde, dei beige con fantasie calde e geometrie rivisitate in chiave techno. Techno-sartorialità e glamour, forme e materiali, trattamenti e colori, tutto mixato in perfetto stile italiano.

L’AZIENDA: QUALCHE NUMERO

RRD – RobertoRicciDesigns è uno dei marchi di riferimento al mondo per produzione di tavole e vele da windsurf, kitesurf e SUP (stand up paddle). L’azienda, a due mani con la Montecristo s.r.l., produce abbigliamento dedicato al tecnico e una linea moda non solo per gli sportivi.

Oggi il gruppo fattura 22 milioni di euro e nonostante i numeri puntino decisamemte verso l’alto, RRD resta fedele ai principi che hanno contribuito a farne un esempio: il mantenimento di una produzione manuale, artigianale e sartoriale, la sostenibilità e l’italianità del brand.

NOI LAVORIAMO COSÌ

La sede, la testa e il cuore della casa sono a Grosseto con un organico che si aggira intorno a cinquanta figure professionali tra dipendenti e collaboratori italiani e stranieri.

La politica aziendale nei confronti di partners e dipendenti è mirata verso la fidelizzazione non tanto del marchio ma di quello che rappresenta: la passione per il mare, per uno stile di vita all’aria aperta nel rispetto della natura. Un concept di riferimento forte e coinvolgente, capace di valorizzare le attitudini di chi lavora al brand nella più totale condivisione di vita lavorativa e tempo libero.