SHARE

“Al mondo d’oggi la scarpa non ha un’anima. Failli 1979 Tuscany mette l’anima nella scarpa”.

Le scarpe Failli 1979 Tuscany nascono nel cuore della Toscana, quando Gian Pietro Failli, originario di Civitella in Val di Chiana, un piccolo borgo di origine etrusco-romana vicino ad Arezzo, arroccato su di una rupe da cui si domina un’enorme vallata, e amante degli orologi di lusso, comincia a produrre artigianalmente dei
cinturini per gli orologi di famiglia.

Un giorno Gian Plogo-failliietro trova, nella cantina della sua casa d’infanzia, un vecchio baule simile ad un forziere. All’interno del baule vi era un grande borsone, di quelli che alla fine dell’800 venivano usati per trasportare il pane. Dentro al borsone erano custodite delle forme in legno per montare le scarpe e degli attrezzi da calzolaio per il taglio, la scarnitura e per la battitura della pelle, una volta appartenuti a suo nonno. Gian Pietro, a cui non è mai mancata la fantasia e l’arte imprenditoriale, ha come una visione sul suo futuro: creare oggetti che non seguano mode, tendenze o stagioni, ma che siano intramontabili, coniugando la nobiltà dei materiali e dei pellami esotici con lo spirito tipico dell’alta orologeria e la maestria artigianale, tipicamente toscana, dell’arte calzaturiera.

FAILLI, L’ISPIRAZIONE TOSCANA

Le meraviglie naturali, artistiche ed architettoniche della Toscana hanno influenzato le menti di tanti uomini illustri che l’hanno resa famosa in tutto il mondo. E ancora: navigatori, scrittori, scienziati e artisti di ogni genere sono rimasti affascinati da questa terra ricca di borghi antichi, opere d’arte dall’inenarrabile bellezza, paesaggi costellati di vigneti e casolari; una tale concentrazione di capolavori che continua, nei
secoli, a inspirare chiunque abbia la fortuna di viverci.

L’artigianato toscano si alimenta di queste bellezze, perpetrando una lunghissima tradizione calzaturiera che affonda le sue radici sin nell’età etrusca e si tramanda da centinaia e centinaia di anni.

I prodotti Failli 1979 Tuscany incarnano alla perfezione questa millenaria tradizione artigiana, con la stessa eccellenza e la cura dei dettagli che rendono il Made in Tuscany famoso e riconoscibile in tutto il mondo.

FAILLI METTE L’ANIMA NELLA SCARPA

Negli anni l’azienda Failli ha acquisito un know-how eccezionale nell’arte della lavorazione del pellame esotico, contraddistinto da un’attenzione particolare per i dettagli tipica dell’alta orologeria. Ogni scarpa Failli 1979 Tuscany è un’opera d’arte in cui maestria e artigianalità si declinano in ogni componente, fino al minimo dettaglio. I pellami esotici più pregiati e materiali preziosi, lavorati con maestria e passione, danno vita ad oggetti dall’innata eleganza, unici e intramontabili.

I modelli di punta sonoDa Vinci” che annovera 4 varianti di colore di frangia e toppone per ogni colore di tomaia e fino a 52 combinazioni di colori disponibili. Il modello “Bolgheri“, poi, propone ben 7 varianti di colore disponibili per la tomaia senza contare le numerose personalizzazioni. Qui troviamo l’elemento distintivo delle scarpe Failli 1979 Tuscany: la frangia, applicata sulla tomaia, in pregiato alligatore.

FAILLI, MASSIMA CURA ANCHE NEL PACKAGING

Le scarpe Failli 1979 Tuscany sono racchiuse in una raffinata confezione in legno, rivestita in tessuto floccato, con inserti in pelle, dalle calde tonalità della sabbia.

La confezione contiene anche un kit di accessori per mantenere al meglio le scarpe Failli 1979 Tuscany. La crema e il fazzoletto in cotone, per esempio, molto utili per detergere ed ammorbidire il cuoio o la spazzola in noce con crine naturale per rimuovere lo sporco e la polvere e a ridare il verso al camoscio. Infine un accessorio dato in dotazione di primaria importanza è il tendiscarpe in noce con applicazioni in alligatore e acciaio per mantenere la forma delle proprie scarpe e impedendo che si formino delle pieghe sulla tomaia.