SHARE

Ci sono nomi che vengono associati al successo di un business, e il nome Bemer è legato indissolubilmente ad una delle migliori esperienze nelle calzature da uomo. Una storia che ha avuto inizio nel 1982 con Stefano Bemer in un piccolo laboratorio a Greve in Chianti, e che continua con il fratello Mario Bemer in un laboratorio nel centro storico di Firenze.
All’interno di quelle mura, impregnate dello spirito dei grandi artigiani fiorentini, essi hanno sviluppato una visione più ampia, internazionale,
che ha portato i due fratelli a proporre il loro “su misura” nei mercati esteri, in primo luogo il Giappone.

I fratelli Bemer decisero di aprire il loro primo flagship store a Tokyo, presentando non solo la loro collezione “su misura”, ma anche una nuova linea “Prêt-à-porter”, un prodotto che ha stabilito un nuovo standard di eccellenza nel pronto moda.

small2Nel 2014 Mario Bemer trova negli imprenditori Luca Nardini e Nicola Sacchetti i partner ideali per condividere una passione comune da trasformare in energia creativa. Così nasce la scarpa “Mario Bemer, costruita esclusivamente seguendo le linee guida di una scarpa Goodyear, l’unica costruzione che consente la completa rigenerazione della scarpa in qualsiasi momento il cliente lo richieda.
Un prodotto in grado di catturare un pubblico giovane, che oggi sta riscoprendo il fascino di un derby (come ad esempio il “Duccio”) o di un Oxford (con il nome evocativo “Oliver”) progettato per loro, dopo una costruzione tradizionale, ma con uno stile fresco e creativo.

MARIO BEMER, ELEGANZA READY TO WEAR

La stessa attenzione maniacale per i dettagli che caratterizza una scarpa su misura ” Mario Bemer ” viene utilizzata per la linea RTW , tenendo sempre presente l’obiettivo nobile di portare un prodotto tipicamente “industriale” verso una realizzazione prettamente artigianale.
Le caratteristiche delle “MARIO BEMER” Ready To Wear sono le stesse di solito riservate alle scarpe su misura, come la costruzione Goodyear , che assicura durata e resistenza nel tempo, il guardolo cucito a mano, così come l’innovativa suola con iniezioni di gomma.
Una scarpa ” Mario Bemer ” dà un nuovo significato al concetto di Ready To Wear, uno stile moderno con un tocco internazionale , che offre una nuova eleganza, accessibile ai clienti di tutte le età .

MARIO BEMER E IL “MADE TO ORDER”

Il concetto del Made To Order di Mario Bemer permette di ricalcare, nella quasi totalità, le esigenze ed i dettami del gusto del cliente. Infatti, oltre ad avere la possibilità di scegliere tra diversi modelli, il cliente  può scegliere il materiale e il colore, gli abbinamenti e i particolari, come la suola, il punto di cucitura etc etc. Oltre ai vitelli di elevatissima qualità, proponiamo materiali particolari , come squalo , cordovan , coccodrillo ed elefante ( esotici ed esclusivi ) , pelle di cammello ( leggero, morbido e resistente ), kudu ( una pelle di antilope che è ideale per la sua morbidezza , resistenza e forza), fino al cuoio a conciata vegetale ( un orgoglio delle prestigiose concerie toscane ) . Tutti i materiali sono di provenienza locale nel distretto del cuoio toscano di Santa Croce sull’Arno, universalmente noto per i suoi pellami di lusso .

MARIO BEMER, LE SCARPE SU MISURA CONTEMPORANEE E CLASSICHE

Le scarpe su misura Mario Bemer, o come dicono gli inglesi “bespoke”, sono realizzate seguendo una procedura molto rigorosa.

Il primo passo è la misura del piede del cliente, la cui condizione strutturale del piede e la postura sono fattori determinanti. La forma di legno viene impostata sulla base delle informazioni raccolte dalle misurazioni e osservazioni, interpretando lo stile che il cliente ha scelto. Questo preziosa ed esclusiva forma di legno appartiene al cliente e potrà essere utilizzata successivamente per i restauri futuri o per i nuovi ordini.

Successivamente, il cliente deve tornare per la prova di calzata, fatta con una scarpa provvisoria, che serve come verifica della forma, il controllo volumetrico e dell’equilibrio dell’andatura mentre si cammina. L’obiettivo è quello di offrire al cliente una scarpa che si adatti perfettamente; un progetto ambizioso che può essere realizzato solo attraverso una minuziosa e precisa opera di maestria artigianale.

La fase successiva prevede la creazione della tomaia, utilizzando materiali e finiture scelte dal cliente. Ogni passo segue i dettagli specifici richiesti: il puntale, i rinforzi, il filo di cucitura per il guardolo, la soletta, il riempitivo, suole e tacchi. Tutti i componenti di una scarpa “Mario Bemer” sono realizzati senza l’uso di materiali sintetici, plastici o metallo, dando alla scarpa una caratterizzazione unica di leggerezza, flessibilità e resistenza nel tempo.